Sab. Ott 31st, 2020

Desideraresentire

DESIDERARESENTIRE

progetto intermediale

a cura di Corinna Conci

Alex Cremonesi

Enrico Iuliano

Marzio Zorio

Galleria Riccardo Costantini Contemporary

Via Giovanni Giolitti 51, Torino

Inaugurazione6 febbraio ore 18.30. Gli artisti saranno presenti.

Durata della mostra 06/02/2020 – 07/03/2020

“DESIDERARESENTIRE è un progetto artistico intermediale composto da opere inedite che orbitano intorno al nucleo tematico della parola e del suono. Due sistemi che si fondono per essere indagati nei loro aspetti musicali, vocali, visivi e gestuali attraverso la scultura, il video, la performance, la musica, il linguaggio scritto e parlato.

DESIDERARESENTIRE colpisce i processi percettivi con i quali elaboriamo la realtà per costringere a fermarsi a “sentire”: vedere, ascoltare e interagire sono qui strumenti sensoriali per creare consapevolmente nuovi ambienti emotivi e riflessioni sul funzionamento di noi stessi, con gli altri, nel nostro contesto contemporaneo. Se attribuire significati alle nostre esperienze è indispensabile per costruire un senso dell’esistenza, DESIDERARESENTIRE offre scorci alternativi dai quali considerare gli accadimenti, e anche nuove prospettive relazionali. I link concettuali tra le opere in mostra consentono l’accesso in un’unica atmosfera, che evoca contenuti sociali, psicologici, culturali e affettivi superando il divieto di sentire le emozioni provate. “Sentire” diviene così una traccia esterna e un richiamo interno, che ci guida nel percorso di questa mostra, indicandoci la direzione attraverso l’orientamento più potente e personale che possediamo: quello emotivo.”

Corinna Conci

Alex Cremonesi presenta l’installazione “Il silenzio non esiste” composta dal brano musicale “Orfeo 2”, estratto dal suo ultimo disco “La prosecuzione della poesia con altri mezzi”, e da un video realizzato specificamente per questo progetto dal duo artistico MASBEDO. Il lavoro esprime l’interferenza visiva attuata dalla musica, attraverso un meccanismo che trasla la vibrazione del suono in una sfocatura dell’immagine filmica.

Enrico Iuliano dichiara la sua poetica con Codice a barre, opera che identifica la sua ricerca. La progressione di sedici elementi scultorei costituisce un ritmo dato dalla loro distanza, e una tonalità creata dalla loro inclinazione. Una modulazione che rende visive le caratteristiche del suono, ma anche quelle del processo mentale della lettura che ci invita a fare: man mano che si intuisce il significato della frase incisa, aumenta la velocità delle parole sotto i nostri occhi. 

Marzio Zorio intende la parola detta come uno strumento di riflessione carico dell’identità del timbro della voce e delle nuance dell’umore. In questo senso nel suono risiede una forma di verità che si allontana dalla possibile interpretazione dei contenuti della scrittura. L’opera E se i muri potessero parlare?” è costituita da percorsi audio su nastri che solcano i muri dell’ambiente, rendendo lo spazio scultura. Una forma di affresco senza immagini, dove la storia è narrazione di suoni.

EVENTI PARALLELI:

MEF Museo Ettore Fico

Via Francesco Cigna 114, Torino

Da Mercoledì 05/02/2020 a domenica 01/03/2020

Ayutthaya 2562”

Installazione di Enrico Iuliano. Nell’ambito di UN’OPERA AL MUSEO.

Dal nome di uno dei primi regni thailandesi dell’antico Siam, nasce il titolo di questo nuovo lavoro dell’artista, esposto per la prima volta negli spazi del MEF. L’anno buddista 2562corrisponde al nostro 2019, anno di nascita dell’opera. L’elemento costitutivo dell’opera si riferisce alla forma e alle dimensioni dei mattoni originali usati oggi per ricostruire le rovine dei templi di Ayutthaya. Iuliano immagina il crollo di una di queste architetture, che invece di precipitare a terra e distruggersi rimane misticamente sospesa, delineando nell’aria “Un’idea di scultura”.

Martedì 25/02/2020 alle ore 18.30

Fari di preghiera”

~ Performance diAlex Cremonesi. Durata 30 min.

Musica e azione performativa si fondono per creare un’immersione nell’ambiente amniotico della composizione di un testo. L’estetica della lettera e la visceralità del suono aprono le soglie all’universo della scrittura, che nasce da un gesto per essere vista e ascoltata.

~ Presentazione dellEdizione Speciale su vinile del disco La prosecuzione della poesia con altri mezzi SUITE(Riff Records). Di Alex Cremonesi. Copie numerate in 30 esemplari unici, contenenti ognuno un’opera realizzata durante la performance.

FELTRINELLI Libri e Musica

Piazza C.L.N. 251, Torino

Sabato 15/02/2020 alle ore 18.30

Presentazione del disco La prosecuzione della poesia con altri mezzi

di Alex Cremonesi (Riff Records).

L’album è frutto della collaborazione di trentasei musicisti, cantanti, dj, produttori del suono che hanno interpretato liberamente l’idea di Cremonesi dell’arte come “stato di incontro”, ispirandosi a brani scritti da lui e dedicati al tema della psicanalisi.

Artisti coinvolti: Davide Arneodo, Bienoise, Alessandra Bossa, Max Casacci, Chiara Castello, Barbara Cavaleri, Andrea Chimenti, Alessandro Commisso, Federica Fracassi, Fricat, Frnkbrt, Stefano Ghittoni, Mauro E. Giovanardi, Stefano Giovannardi, Alessandro Grazian, Dany Greggio, Harptical, Howie B, Davide Invena, Xabier Iriondo, Lagash, Luca Lezziero, Cesare Malfatti, Lorenzo Monguzzi, Lory Muratti, Noirêve, Luca Olivieri, Giorgio Prette, Stefano”Edda” Rampoldi, Mara Redeghieri, Leziero Rescigno, Gianluca Secco, Riccardo Sinigallia, Sonambient, Sarah Stride, Davide Tomat.

~ Talk: Moderatore Stefano Bizarre QuarioRedattore di Blow Up Magazine

con Alex Cremonesi, Davide Arneodo (Perdurabo, Marlene Kuntz), Luca Olivieri, Davide Tomat (Spime.Im).

~ segue Music Live- set.

Riff Records

Independent label

Riff Records è una one man label con tutti gli aspetti positivi e negativi che questo può comportare. Nasce nel 2005 con l’intento di promuovere le band locali ma presto il progetto si estende a tutto il territorio italiano con alcune escursioni oltreoceano. Ci aiutano nel nostro viaggio Chains Press & Promotion, Hoodooh, Prom O Rama, Unomundo Press&Promo Agency, Vertigo Concerti. I dischi Riff sono distribuiti da Goodfellas.