Mar. Dic 1st, 2020

RFF 040 VV.AA. – TEN!

E’ stato chiesto a 10 musicisti della scena indipendente e sperimentale europea di comporre una traccia partendo da un’ opera di Alessandro Trapezio, fotografo che spesso, nella sua carriera artistica e professionale, si è rapportato con la musica per la produzione di artwork e copertine.


Questa volta, però, è stato Alessandro a lanciare una sfida inversa, ponendo i musicisti nella situazione di doversi confrontare e, perché no, mettere in gioco facendo dialogare il proprio stile con le caratteristiche dell’immagine data.

Sono nate cosi 1 0 nuove copertine, 10 immagini per 10 musicisti, 10 fotografie che hanno generato 10 nuove composizioni originali: in altre parole, sono nati un album e un catalogo dalla storia molto particolare.

Le opere scelte sono tutte diverse e senza un preciso legame tra loro, a parte Alessandro; così come i musicisti, tutti molto diversi nel loro lavoro e nei loro suoni, con stili differenti e percorsi unici, all’insegna di strade che spesso si sono incrociate fra loro e con lui.

Il titolo dell’esperimento e della mostra è TEN!, in linea con la personale tradizione di Alessandro di fare riferimento ad album e canzoni.

In questo progetto espositivo, verranno presentati gli elementi costituenti e le relazioni che li legano: gli scatti originali, le traccie vitalmente legate alle immagini che le hanno generate, gli artwork in cui questi scatti si sono trasformati nel momento in cui sono stati messi in relazione con la musica, il catalogo e il cd contenenti i materiali audio e video.

Amo la musica. Mi è capitato più volte di lavorare con dei musicisti, spesso ho realizzato gli artwork per le cover di album o per i “libretti” dei cd. Ho sempre avuto un debole per le copertine dei dischi, artwork unici e indimenticabili di Mapplethorpe per Patty Smith o di Peter Hujar usata da Antony and The Johnson; copertine come quelle dei Nirvana, in Nevermind, dove la foto è diventata icona a sé stante. E ripensandoci, mi sono semplicemente chiesto cosa potrebbe succedere se ragionassimo secondo un processo inverso, in cui gli artisti\musicisti si trovassero a dover comporre in base a delle immagini non loro, con un immaginario alieno e che magari contrasta pure con il loro brand.

Volevo sapere cosa sarebbe venuto fuori se gli amici avessero dovuto comporre ispirandosi a delle mie foto, e non viceversa. E cosi è nato TEN! .” Alessandro Trapezio

Composizioni di: Bologna Violenta, Fuzz, Giungla, His Clancyness!, Jochen Arbeit, Weight And Treble, Melampus, Stefano Pilia, Stromboli, The Shipwreck Bag Show

Riff Records

Independent label

Riff Records è una one man label con tutti gli aspetti positivi e negativi che questo può comportare. Nasce nel 2005 con l’intento di promuovere le band locali ma presto il progetto si estende a tutto il territorio italiano con alcune escursioni oltreoceano. Ci aiutano nel nostro viaggio Chains Press & Promotion, Hoodooh, Prom O Rama, Unomundo Press&Promo Agency, Vertigo Concerti. I dischi Riff sono distribuiti da Goodfellas.